blulu

La Vicina di Fronte

Lascia un commento

La Vicina di Fronte veste un costume azzurro da maggio a settembre e da ottobre ad aprile una felpa grigia e leggera,

sia che sia in casa  che sul balcone; si potrebbe pensare  'ad avercene di vicine così'; il suo seno è libero e prosperoso, i capelli sempre arruffati con le mèche di una tonalità un po' in disuso, biondo paglia e antracite metalizzato.

Ha una bimba di quasi cinque anni, si chiama Annalisa ed un cane grande bianco e molto peloso.

La Vicina di Fronte non pronuncia mai il nome della figlia, lo urla : aaaaaaannaaalisaaaa, sia che sia accanto a lei

o che sia giù in giardino, in alternativa la sgrida, di continuo. Annalisa si sveglia alle sette di sabato e domenica, lo so perchè va sul balcone e a gran voce chiama :maaaaaaaammaaaa vieni sù, tutti i week end.

Qualche volta il pensiero di render pan per focaccia mi viene, del resto la sera, da loro, la luce si spegne entro le ventidue, facile uscire con una tromba e tirare un DoRe stonato. Comunque sono passati cinque anni e non ho acquistato nessuna tromba, non ancora.

La Vicina di Fronte oltre ad essere sempre molto svestita, (riderà di me vedendomi imbacuccata sino a giugno), si da un gran da fare … col bucato, ogni santo giorno lava e lava e lava e stende e stende e stende, coperte piumini cuscini copridivani tovaglie tende,

robe che qui si fanno una volta all'anno, lì una volta al mese nella stagione fredda, di più nei mesi buoni. Guardando la sua roba stesa un po' di affanno mi viene, pensandola così indaffarata. Lei formica, io cicala.

Ora si penserà che invece di lavare tanto pure io, sprechi il tempo ad osservare, in realtà le nostre case sono in una posizione tale che rende impossibile non buttare l'occhio, la vedo anche quando seggo a tavola riflessa nel vetro del forno, per dire.

Se proprio voglio tenere lo sguardo fisso alla punta dei miei piedi, la sento, la sento perchè parla mai, urla per ogni membro della famiglia, suoceri compresi, non perchè sia arrabbiata, è proprio il suo tono di voce molto alto, quindi nolente o volente sono partecipe di molte cose casalinghe sue, feste di compleanno di Annalisa e rimbrotti vari al marito che sbaglia sempre qualcosina.

La Vicina di Fronte insomma, sarà  discinta però per me questo è poco vantaggioso, in quanto femmina pure io, per cui quando sono sul terrazzo a fare lavatrici o stendere o fumare o fotografare le nuvole, ecco..immagino come sarebbe bello se lì ci abitasse qualcun'altro…

 

Questa storia è abbastanza vera, anzi lo è proprio, tranne il nome della bimba che non è Annalisa ma Paola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...