blulu


13 commenti

LE PAROLE CHE NON HO DETTO FINO A IERI

faccio davvero tanti sbagli, mi ingarbuglio a ripensarci o me ne fotto e vado avanti
ma da quel sette di dicembre mi è scesa una tristezza dentro
che non so spiegare per quell ‘acciaieria di Torino,
forse perchè morire così è talmente brutale assurdo doloroso,
sembra di essere tornati nel novecento dove tutto era così precario, fragile,
appena industrializzato che ‘forse’ poteva pure accadere, ma non adesso.

forse per quei bimbi e le loro madri su cui è scesa una notte buia e pesante,
forse per tutti noi che stiamo pensando ai regali di natale e ai cenoni
mentre ogni giorno qualcuno ‘ancora’ continua a morire, pure in silenzio,
forse per quelli che sono rimasti vivi, che lottano per non morire,
o per come andrà a finire per i responsabili che come in una pasqua
si sono già lavati le mani,

o forse perchè tutto sarà dimenticato. come sempre. ingoiato senza che sia riuscito pure questa volta a cambiare qualcosa….
aumentare le sanzioni, sembra l’ unica cosa da farsi per tutto quello che in Italia accade in questi ultimi anni,

servisse poi a qualcosa…

 


6 commenti

PARADOSSI

( ma di quelli agghiaccianti)

e che qua io ne sto mettendo sei, sei per una persona sola che per sua fortuna oltre a non lavorare in un acciaieria ha pure numerose vie di fuga, (metti che il mouse si metta a scoppiettare come un pop corn)

sei estintori pesanti che non userò mai, perchè se succede qualcosa me la do’ a gambe, sei perchè la legge dice così, sei che farò ispezionare una volta all’ anno per essere in regola in caso di controllo, mica perchè li uso. sei perchè a controllare ci verranno di sicuro, mica siamo nella lista ‘noiosa’ di quelli da lasciare in santa pace.

e in santa pace quel mio coetaneo non sarà sicuramente spirato.(up date: leggo ora che sono due quattro sei  SETTE )

il paradosso è che qui o da te i controlli saranno più serrati, lì difficilmente….
e non mi riferisco soltanto ad un paio di estintori.

(l’ articolo su Repubblica)

un post sull ‘accaduto, parole che penso ‘Pacchetti